RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • La voce dell’essere
    “L’uomo non è in grado di trasformare in parole il suo essere, il linguaggio è ancora ben lungi dal metterlo in condizione di dire la verità.” Georg Groddeck, Psychoanalytische Schriften zur Literatur und Kunst, 1964   Scopri le potenzialità della Psicologia Psicosomaticaper il benessere  individuale e delle relazioni, presso le 5 sedi di Milano, Bergamo, Gallarate, Senago […]
  • Suicidio – Omicidio
     “Gi studi psicoanalitici sul suicidio hanno sottolineato la relazione che unisce l’impulso autoaggressivo e la tendenza eteroaggressiva, non cessando di parafrasare il detto di Stekel “nessuno si suicida senza aver desiderato la morte di qualcuno”. Ugo Fornari – follia transitoria. Il problema dell’irresistibile impulso e del raptus omicida, 2014   Scopri le potenzialità della Psicologia Psicosomatica per […]

Disfunzione erettile

Home/Pubblicazioni/Somatopedia/Disfunzione erettile

Cos’è la DISFUNZIONE ERETTILE?

impotenza

La disfunzione erettile, definita spesso in modo scorretto con il termine “impotenza”, può essere definita come la difficoltà o impossibilità dell’uomo di raggiungere e/o mantenere un’erezione con una rigidità o durata sufficiente per condurre un rapporto sessuale soddisfacente. Per identificare la disfunzione erettile come problema, deve esserci un buon desiderio sessuale; qualora ci fossero alterazioni del desiderio, l’insoddisfazione riguardo la risposta sessuale potrebbe essere legata ad un disturbo del desiderio sessuale. La disfunzione erettile differisce dall’“impotentia generandi” che è l’incapacità di generare prole e dall’ “impotentia coeundi” che è l’impossibilità fisica di eiaculare, pur mantenendo una normale capacità erettiva. L’erezione implica una complessa risposta di meccanismi vascolari, neurologici ed endocrini; qualsiasi alterazione in questo delicato sistema può interferire sulla risposta sessuale del soggetto. La disfunzione erettile altera la qualità della vita di milioni di uomini modificando o ledendo la loro rappresentazione di sé, il modo di porsi all’altro/a, il grado di gratificazione psico-fisica derivante dall’attività sessuale singola o di coppia e la relazione con il proprio partner. Solo in Italia si stima che siano circa 3 milioni gli uomini che ne soffrono. Di questi, il 2% ha un’età compresa tra 18 e 34 anni e il 48% ha più di 70 anni. Tra le fasce di età più giovani, le cause di natura psicogena sono predominanti, mentre nella popolazione più anziana sono maggiormente presenti cause organiche.

La disfunzione erettile può essere suddivisa in primaria e secondaria. Tale appellativo si configura rispetto al momento dell’esordio della problematica: è primaria se si è manifestata fin dall’inizio dell’attività sessuale del soggetto, è secondaria se interviene in un secondo momento, dopo un periodo di attività sessuale soddisfacente.

Oltre a questa differenziazione, la disfunzione erettile, può assumere una forma generalizzata, presentandosi sempre e in ogni circostanza o altresì  in forma situazionale comparendo solo con determinati partner e/o in determinate situazioni e attività.

[separator top=”40″ bottom=”40″]

Quali sono le cause della DISFUNZIONE ERETTILE?

disfunzione erettile

La disfunzione erettile può avere natura psicologica o organica. Nel caso di prevalenza della componente organica, comunque si produce una ricaduta su dimensioni psicologiche (autostima, identità, ansia da prestazione) che possono mantenere o aggravare la problematica, innescando circoli viziosi di confusione somato psichica.

La forma organicamente più grave, viene definita come “impotentia erigendi”, è determinata dall’impossibilità fisica dell’organo di compiere l’erezione impedendo così l’atto sessuale. In taluni casi, specie nei soggetti giovani, la presenza di un blocco psichico (come nel caso dell’ansia da prestazione) può con molta probabilità accentuare o determinare il disagio. Infine, considerando che l’ipogonadismo (carenza di testosterone) può incorrere nella disfunzione erettile come nella sindrome metabolica, tra i fattori organici che possono intervenire, troviamo il diabete mellito di tipo 2 e l’obesità.

Qualora la causa sia prettamente psicologica, la disfunzione erettile può avere delle variazioni nel modo di presentarsi sia rispetto alla situazione (l’ambiente in cui si svolge il rapporto) sia rispetto al partner con cui ci si relaziona. La mancanza di erezione può ad esempio essere determinata dalla percezione-distorsione inconscia di rifiuto da parte del(la) partner o dalle risposte comportamentali di quest’ultimo. Studi recenti hanno inoltre individuato un significativo legame tra la disfunzione erettile e la difficoltà nel riconoscere ed esprimere le proprie emozioni.

Il soggetto affetto da disfunzione erettile può spesso fissarsi mentalmente sull’idea di non riuscire ad avere la risposta sessuale desiderata e di conseguenza mettere in atto un circolo vizioso di pensieri negativi, una sorta di profezia autoavverante, che porta al fallimento dell’erezione. L’ansia anticipatoria che deriva dalla paura del fallimento spesso riduce la probabilità di avere una risposta sessuale soddisfacente. Il sistema nervoso parasimpatico, alleato della funzione erettiva, non è attivabile se il sistema nervoso simpatico o ortosimpatico è in piena risposta di attacco – fuga. Uno stato di rilassamento è importante per favorire una risposta sessuale adeguata.

[separator top=”40″ bottom=”40″ style=”none”]

Cosa fare per la DISFUNZIONE ERETTILE?

La disfunzione erettile è un disturbo sessuale che genera una sofferenza soggettiva e relazionale tale da ripercuotersi direttamente sulla propria percezione di sé. Il modello dell’Istituto di Psicosomatica Integrata si propone di accogliere la persona ricercando le cause e le caratteristiche del problema in tutte le sfere che lo vedono coinvolto emotivamente e fisicamente.

La complessa analisi del caso si avvarrà dell’uso di strumenti in grado di indagare il contesto in cui l’individuo vive, le sue relazioni e il suo sistema corporeo.

 

________________________________________________________________________________________

La nostra équipe lavora in stretta sinergia garantendo al cliente una riflessione a 360° su diversi livelli (personali, famigliari, relazionali, ambientali e corporei); costituendo un lavoro di rete fra psicologi e altri professionisti dell’aiuto, che, di volta in volta, chiarisce i rischi e le opportunità rispetto a ciascun intervento, tenendo conto delle diverse prospettive.

Informazioni e prenotazioni

Telefono

Milano:  +39 02 89546337 / +39 02 89504159 / +39 334 7807325
Gallarate:  +39 0331 026255
Zanica:  +39 345 0087731

Email

segreteria@somatologia.it

oppure

CHIEDI ALLO PSICOSOMATOLOGO

Ultimo aggiornamento 24 ottobre 2017 - 08:30