RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • WORKSHOP YOGA: L’ESSENZA | BERGAMO | 25 NOVEMBRE 2017
    Il 25 novembre presso l’Istituto di Psicosomatica Integrata – polo di Bergamo dalle 10:00 alle 12:30 si terrà l’ultimo incontro di un Workshop orientato alla presa di contatto se stessi attraverso lo yoga e la competenza somatica, ovvero l’affinamento intelligente dell’ascolto delle sensazioni che abitano e animano il nostro corpo. I partecipanti potranno sperimentare posizioni […]
  • IL SUSSURRO DEL DOLORE
    “Dà al tuo dolore le parole che esige. Il dolore non parla, sussurra bensì a un cuore troppo affranto l’ordine di schiantarsi”. William Shakespeare,  Macbeth, 1605 Scopri le potenzialità della Psicologia Psicosomatica per il benessere  individuale e delle relazioni, presso le 5 sedi di Milano, Bergamo, Gallarate, Senago e Zanica.

Cos’è l’ULCERA?

ulceraL’ulcera si forma quando le difese del rivestimento dello stomaco sono indebolite, per cui lo stomaco diventa incapace di secernere una quantità sufficiente di muco necessario a proteggersi dal forte acido necessario per la digestione.

Tipi di ulcera:

– L’ulcera gastrica colpisce lo stomaco;

– l’ulcera peptica è una ferita aperta che si sviluppa sulla mucosa interna dell’intestino o dell’esofago;

– l’ulcera duodenale interessa il tratto superiore dell’intestino tenue attraverso cui si svuota lo stomaco;

– l’ulcera emorragica si manifesta quando l’ulcera penetra in un vaso sanguigno causando sanguinamento.

I sintomi dell’ulcera sono vari e includono mal di stomaco (sordo, logorante o intenso), dolore nella parte inferiore della schiena, defecazione dolorosa, mal di testa, sensazione di soffocamento e prurito. Però, il sintomo più comune dell’ulcera è il bruciore di stomaco. Il dolore, provocato dall’ulcera e aggravato dagli acidi gastrici che vengono a contatto con la zona ulcerata, può essere avvertito in un’area che si estende dall’ombelico allo sterno, ha una durata variabile da alcuni minuti a diverse ore, peggiora a stomaco vuoto e frequentemente si scatena di notte. Più raramente le ulcere possono provocare sintomi più gravi.

ulcera curaQuali sono le cause dell’ULCERA?

Esiste una vulnerabilità all’ulcera che sembra essere ereditaria. Recentemente l’Helicobacter pylori, batterio che si trova all’interno della mucosa che ricopre e protegge i tessuti delle pareti dello stomaco e dell’intestino, è considerato la causa più frequente delle ulcere peptiche, a cui si aggiungono cause o fattori aggravanti, quali l’uso regolare di analgesici, l’abuso di alcool e il fumo, in grado di irritare o infiammare la mucosa dello stomaco e dell’intestino tenue, aumentando la quantità e la concentrazione di succhi gastrici prodotta dallo stomaco. Lo stress (link), infine, è in grado di far peggiorare i sintomi dell’ulcera e, in alcuni casi, di rallentarne il processo di guarigione.

Cosa fare per l’ULCERA?

Dal punto di vista del Modello Psicosomatico Integrato, l’indagine della complessità di un disturbo come l’ulcera inizia con la comprensione del contesto in cui nasce e si manifesta. Successivamente, l’analisi potrebbe essere estesa anche al corpo, attraverso l’ausilio di diversi strumenti e modelli. In merito, il test sulle intolleranze alimentari e il Vega Test proposti in Naturopatia stabiliscono quale sia l’alimentazione più adatta per ogni persona perché uno stomaco ulcerato digerisce quasi tutti gli alimenti solo parzialmente; modelli interpretativi come la Medicina Tradizionale Cinese (vedi articolo) guardano, invece, alla diffusione dell’energia nel corpo, favorendo il riequilibrio e verificando l’eventuale catena causale che porta al manifestarsi dei sintomi. Un lavoro dialogico e interiore sulle emozioni, infine, sarebbe utile al fine di rilevare se ci sia un’influenza di queste ultime sul funzionamento dell’apparato digerente.

_______________________________________________________________________________________

La nostra équipe lavora in stretta sinergia per garantire al cliente una riflessione a 360° sui diversi livelli che strutturano la sua vita: personale, familiare, relazionale, ambientale e corporeo. La costruzione di un lavoro di rete fra psicologi e altri professionisti dell’aiuto definirà inoltre i rischi e le opportunità che ogni singolo caso può presentare, prevedendo, laddove fosse utile, la pianificazione di un intervento integrato per fronteggiare efficacemente i vari sintomi.

Ultimo aggiornamento 15 novembre 2017 - 20:57