RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • WORKSHOP YOGA: L’ESSENZA | BERGAMO | 25 NOVEMBRE 2017
    Il 25 novembre presso l’Istituto di Psicosomatica Integrata – polo di Bergamo dalle 10:00 alle 12:30 si terrà l’ultimo incontro di un Workshop orientato alla presa di contatto se stessi attraverso lo yoga e la competenza somatica, ovvero l’affinamento intelligente dell’ascolto delle sensazioni che abitano e animano il nostro corpo. I partecipanti potranno sperimentare posizioni […]
  • IL SUSSURRO DEL DOLORE
    “Dà al tuo dolore le parole che esige. Il dolore non parla, sussurra bensì a un cuore troppo affranto l’ordine di schiantarsi”. William Shakespeare,  Macbeth, 1605 Scopri le potenzialità della Psicologia Psicosomatica per il benessere  individuale e delle relazioni, presso le 5 sedi di Milano, Bergamo, Gallarate, Senago e Zanica.

Gruppo di Ricerca IPSI-UNIMIB

Home/Ricerca/Gruppo di Ricerca IPSI-UNIMIB

unimibIl gruppo di ricerca dell’Istituto di Psicosomatica Integrata nasce nel 2001 in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. La sua costituzione è stata mossa dall’interesse di verificare con altri strumenti le riflessioni, le teorie, i risultati empirici scaturiti da anni di esperienza clinica. In particolare, abbiamo preso in considerazione quelle aree cliniche di confine (la depressione; i disturbi borderline; la comorbidità psicosomatica; l’alessitimia) in cui il sistema simbolico del linguaggio verbale mostra un impoverimento e la capacità di rappresentazione psichica non riesce del tutto ad arginare, legare e significare il dolore, sia esso psichico o somatico.

ricerca psicoterapiaLa ricerca nel campo della psicoterapia

Dopo i convegni SPR di Milano e AIP di Bari del 2003 (Vigorelli M., Scognamiglio R. M, Villa M., Corona D., Schadee H., Fogliato E., 2003; Vigorelli, M., 2009), nei convegni SPR del 2004 e 2005 a Roma e a Losanna abbiamo  presentato il work in progress di una ricerca single-case di paziente alessitimico affetto da Sclerosi Multipla (Scognamiglio, R.M., 2003, 2008) che metteva particolarmente in evidenza le prospettive di effectiveness  del modello Psicosomatico Integrato applicato a quadri clinici con gravi comorbidità (Scognamiglio, R.M., 2003, 2004, 2005, 2008a, 2008b).

Sempre nell’ambito del convegno SPR, nel 2005 a San Benedetto del Tronto (Scognamiglio, R. M., Vigorelli, M, Conserva, S., Taglietti, S., Schadee, H., 2005) abbiamo presentato i soddisfacenti risultati di un’applicazione del metodo CCRT-LU impiegato nell’analisi delle modalità relazionali di pazienti con disturbo dell’umore.

Nel 2005, a partire da un’insoddisfazione clinica rispetto alla definizione quantitativa del costrutto alessitimico fornita dalla TAS-20 (Taylor, 1997) abbiamo dato il via a un impegnativo disegno di ricerca* con l’obiettivo di mettere maggiormente in evidenza, all’interno di questo costrutto, la specificità qualitativa del rapporto che il paziente intrattiene col corpo e con l’espressione emozionale. Dalla nostra esperienza clinica emerge che nel paziente alessitimico la dimensione del corpo malato non si esprime attraverso processi di simbolizzazione ma produce stati di confusione somato-psichica, tale per cui le sensazioni fisiologiche sono percepite come entità in se stesse non agganciabili a nessuna elaborazione psichica. Questo spostamento di attenzione sul corpo e sui segnali interni di natura viscerale sembra, a volte, essere l’unica via d’uscita per il paziente nel tentativo di difendersi da nuclei emotivi dolorosi.

Partendo da queste considerazioni ci siamo orientati verso la costruzione di una scala che indagasse più a fondo questo processo di focalizzazione sulla fenomenologia somatica. La prospettiva era di creare uno strumento di assessment nella diagnosi psicosomatica che avrebbe facilitato l’orientamento del paziente verso approcci psicoterapeutici integrati, in grado di includere la dimensione del corpo come agente terapeutico trasformativo. Nasceva così l’ipotesi esplorativa di un costrutto provvisoriamente denominato “Vulnerabilità Somatica” (Scognamiglio, 2009) che sapesse individuare i livelli di competenza metacognitiva sui fenomeni del corpo e i suoi effetti sul meccanismo di disregolazione affettiva.

Il primo disegno di ricerca ha visto la costruzione di un ampio questionario self-report a più fattori a cui, oltre ad item presi da strumenti già standardizzati, sono stati aggiunti 66 item sperimentali che ponessero attenzione all’area della percezione del corpo. I dati incoraggianti del primo step (Scognamiglio, R.M., Fisher, A., Vigorelli, M., Flebus, G.B., 2006) sono stati presentati nel 2006 ai Congressi di Edimburgo (SPR-International) e di Cesena (GRP- Gruppo per la Ricerca in Psicosomatica, affiliato all’International College of Psychosomatic Medicine), in relazione a un primo campione composto da un gruppo di pazienti con Disturbi Alimentari, uno con Sclerosi Multipla e uno con pazienti affetti da quadri misti di somatizzazione in trattamento psicoterapeutico presso il nostro Istituto. I risultati hanno evidenziato come il tratto alessitimico, pur essendo il denominatore comune, presentasse diverse modalità qualitative nei differenti campioni. Infine, abbiamo potuto verificare come, nonostante la procedura di autosomministrazione del questionario, la qualità della percezione corporea correlata all’alessitimia fosse più accessibile alla valutazione testistica, aggirando così la principale aporia della TAS-20: che il paziente alessitimico possieda quella metacognizione sui processi emotivi necessaria a rispondere veridicamente agli stessi item che ne dovrebbero invece verificare il deficit.

Per dare forza e rigore metodologico alla ricerca, nel secondo step (Scognamiglio, R. M., Zerbini, C.A., Zoccarato, A., Vigorelli, M., Gallucci, M., 2008) abbiamo proceduto a una “ripetizione sistematica”, allargando il campione clinico a pazienti con Disturbo d’Ansia, con Depressione e Dipendenza da Alcool.  I risultati sono stati presentati nell’arco del 2008 ai convegni SPR-International di Barcellona, SPR-Italia di Modena e GRP di Foligno.

cura psicosomatica

Fra il secondo e terzo step il questionario ha subito un’evoluzione. I 66 item sperimentali sono stati pensati in due nuove Scale: “Confusione Somato-Psichica” e “Focalizzazione Somatica”. Quest’ultima in particolare articolata in due subcategorie distinte: “Attenzione e cura ai bisogni del corpo” o “Focalizzazione sul corpo” e il “Deficit d’intelligenza (metacognizione) somatica”. Basandoci sugli item di queste due subcategorie il questionario ha assunto una nuova forma a 33 item, in cui si delineava un costrutto di “Intelligenza Somatica” come capacità di comprendere e gestire (copying) segni e segnali del corpo. I risultati di questo terzo step, che ha visto la somministrazione del questionario a pazienti oncologici e cardiopatici e un confronto con un numeroso campione di controllo, sono stati presentati ai congressi di Torino (ICPM- International College of Psychosomatic Medicine) e Bolzano (SPR-EU) nel 2009 (vedi articolo Intelligenza Somatica: l’avvento di un nuovo costrutto tra corpo ed emozioni).

Il quarto e ultimo step ha riguardato uno specifico disegno di ricerca sull’applicazione della Scala sperimentale in un progetto di prevenzione scolastica in adolescenza, indagando i rapporti fra “competenza corporea e aggressività”. Il lavoro è stato presentato al convegno internazionale della SEPI (Society for the Exploration of Psychotherapy Integration) di Firenze nel 2010 e al ICPM di Lisbona del 2013 (Scognamiglio, R.M., Aloisi, A., Russo, S.M., 2013). Sempre al congresso ICPM di Lisbona è stato presentato un lavoro riassuntivo del percorso di ricerca finora compiuto dal titolo “Somatic Intelligence: a new perspective of metacognitive tool?” (Scognamiglio, R.M., Russo, S.M., Aloisi, A., Iaffaldano E., 2013).

La ricerca sul costrutto di “Intelligenza Somatica” vanta ad oggi un campione di più di 2000 casi. Attualmente stiamo lavorando ad un perfezionamento del questionario con un ulteriore riduzione degli item della Scala e alla creazione di una versione adatta a un target adolescenziale.

Vi sono state ulteriori applicazioni del modello Psicosomatico Integrato nell’ambito dei disturbi dell’età evolutiva e dell’anziano. Gli studi hanno riguardato: un single-case di un preadolescente con un disturbo pervasivo dello sviluppo presentato a Modena (SPR) e Foligno (GRP) nel 2008, a Bolzano (SPR) e Torino (ICPM) nel 2009 e a Firenze (SEPI) nel 2010; un training di gruppo cognitivo e motorio sulle capacità neuropsicologiche dell’anziano presentato all’Italian Interdisciplinary Network on Alzheimer Disease (ITINAD) a Olbia nel 2007.

Infine, fra il 2011 e il 2012 abbiamo promosso un training d’intervento e prevenzione sulle problematiche di letto-scrittura, calcolo e coordinazione motoria in bambini delle scuole primarie milanesi. Il training si è basato su esercizi percettivo-motori e tecniche d’integrazione emisferica elaborati dal modello Psicosomatico Integrato. I risultati sono stati presentati al congresso ICPM di Lisbona del 2013 (Scognamiglio, R.M., Russo, S.M., Fumagalli, M., 2013).

 

La ricerca nel campo della medicina complementare e delle tecniche corporee

ricerca psicosomaticaIl modello Psicosomatico Integrato ingloba fra i suoi strumenti terapeutici alcune discipline non convenzionali. Sebbene sia importante precisare che, per il modello terapeutico proposto dall’Istituto di Psicosomatica, l’applicazione di qualunque tecnica viene proposta come approccio al “sistema globale” del soggetto, mossi da spirito di ricerca fra il 2001 e il 2002 abbiamo concentrato i nostri sforzi nel tentativo di valutare l’efficacia di una tecnica da noi impiegata: la Neurostructural Integration Technique (NST). Lo studio in questione è nato all’interno di un programma di ricerca nell’ambito dei lavori dell’Assessorato alla Sanità della Regione Lombardia per l’Osservazione e la Valutazione di Procedure Terapeutiche di Medicina Complementare. La tecnica è stata somministrata un gruppo di 60 pazienti con disturbi algici del rachide. I risultati confortanti, rafforzati dai feedback positivi dei pazienti, sono stati presentati nel 2003 inizialmente nella giornata di studio al MOSAN organizzato dall’Assessorato e Direzione Generale Sanità. In seguito nel 2004, è stato presentato e pubblicato un poster a Milano nel Convegno internazionale su “Ricerche di medicina complementare in Lombardia – Valutazione dei Fondamenti Scientifici dell’Efficacia”, organizzato dall’Università degli Studi di Milano (Scognamiglio R.M., Fortis M., Corona D., Aloisi A., Corona L., 2004).

Sempre all’interno degli Studi Osservazionali in Medicina Complementare, lo stesso impianto di ricerca ha trovato una sua prosecuzione grazie alla collaborazione con l’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti di Bergamo, in particolare l’Ambulatorio di terapia del Dolore.  Lo studio si è svolto dal novembre 2004 al luglio 2006, coinvolgendo 36 pazienti e valutando l’efficacia della tecnica sul dolore vertebrale di varia natura e sul cambiamento della Qualità della Vita (QoL). I risultati, che hanno ottenuto un’ulteriore convalida, sono stati presentati nel 2007 al IV Congresso Nazionale GRP di Chieti – Pescara (Scognamiglio, R.M., Fortis, M., Moroni, S., Aloisi, A., Corona, L., Corona, D., 2007) e al XXI convegno SIMP di Firenze (Scognamiglio, R.M., Fortis, M., Moroni, S., Corona, L., Aloisi, A., Costadoni, A., Corona, D., 2007), nel 2008 al 39th Convegno Internazionale SPR di Barcellona (Scognamiglio, R.M., Fortis, M., Moroni, S., Corona, L., Aloisi, A., Costadoni, A., Corona, D., 2008) e, infine, nel 2010 al congresso SEPI di Firenze.

Infine, l’Istituto di Psicosomatica Integrata, rivolgendo un forte interesse a tutto ciò che riguarda le culture e le grammatiche del corpo, ha preso parte a congressi di estetica, cosmetologia e wellness. Ultimo fra questi il Congresso Nazionale CIDESCO del 2008 organizzato dall’Università di Ferrara, con un intervento sulla “Genetica Comportamentale”.

*Per una più ampia dissertazione sul percorso di ricerca si consiglia la lettura di Scognamiglio, R.M. (2009). Dalla focalizzazione sul corpo all’intelligenza somatica: la nascita di un nuovo costrutto nel quadro alessitimico, in M. Vigorelli (a cura di), Laboratorio didattico per la ricerca in psicoterapia, Cortina Editore, Milano, pp. 447-490.

Ultimo aggiornamento 15 novembre 2017 - 20:57