fbpx

Artrosi: utilizzo dell’omotossicologia in psicosomatica integrata

Home/Conferenze/Artrosi: utilizzo dell’omotossicologia in psicosomatica integrata
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Conducono Professionisti della GUNA con il Responsabile del Polo: Dott. Michele Fortis

Lavori pesanti, sovrappeso, sport o posture scorrette provocano con il passare del tempo il sovraffaticamento dei tessuti cartilaginei. Questo fenomeno porta al logorio delle articolazioni, che a sua volta è fonte di dolori e di limitazione nei movimenti. Si parla allora di artrosi.

Grazie anche all’intervento di un medico esperto in omotossicologia e un membroartrosi_omotossicologiadel settore scientifico della GUNA, nella serata si esploreranno le risorse della low-dose medicine nel trattamento integrato di uno dei più comuni fenomeni clinici degenerativi. Si propone la lettura integrata dei fenomeni di degenerazione articolare nel modello psicosomatico con l’innovativo ruolo dei prodotti omotossicologici. Si accompagna nella comprensione del meccanismo d’azione degli specifici principi utilizzati in campo ortopedico/reumatologico nella direzione del favorire le potenzialità rigenerative a autolenitive.

È possibile accedere ai nostri corsi di formazione in qualunque momento dell’anno. Per conoscere il calendario delle attività formative e valutare l’iscrizione a qualunque percorso un tutor sarà a disposizione per un incontro individuale di presentazione.

Scrivere a info@psicosomaticaintegrata.it indicando un recapito telefonico, oppure chiamare il +39 334 7807325
NB: Le date dei corsi potrebbero subire delle variazioni. L’Istituto di Psicosomatica Integrata non risponde di eventuali oneri derivanti da tali variazioni.

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • L’espressività del corpo
    “Se vuoi conoscere i tuoi pensieri di ieri, guarda il tuo corpo di oggi. Se vuoi sapere come sarà il tuo corpo domani, guarda i tuoi pensieri di oggi.” Antico proverbio indiano
  • Condanna?
    “Il trauma è una realtà della vita, ma non per questo dev’essere una condanna a vita.” Peter A. Levine
Torna in cima