fbpx
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Relatore: Stefano Micheletti Prof. Associato di Analisi Numerica al Politecnico di Milano

 

Le religioni e le filosofie orientali pongono al proprio centro il concetto di unità delle cose, dove l’uomo, oltre ad essere parte dell’Universo, ne è direttamente compartecipe: un Universo dove tutto è essenziale, tutto è legato e unito da un’unica essenza coagulante. Per l’Induismo questa essenza è il Brahman, ossia l’unità cosmica da cui tutto procede; nel Taoismo esso prende il nome di Tao, mentre nel Buddismo è il Dharmakāya.

Al contrario, in tutte le scienze, l’uomo sente la necessità di classificare e distinguere gli oggetti. In occidente è addirittura sorta una netta separazione tra ragione e corpo, tra mente e spirito, allontanando tutta una serie di conoscenze possibili.

Le moderne interpretazioni della realtà dimostrano, tuttavia, quanto le leggi della fisica siano divenute talmente complesse da sfuggire ormai alla nostra capacità di comprensione. Nel mondo subatomico, ad esempio, le regole della fisica classica (per noi ancora intuibili) non sono più valide e lasciano posto a comportamenti apparentemente illogici delle particelle.

A tal proposito, una considerazione molto interessante, e al tempo stesso sconvolgente, nasce dal principio di indeterminazione di Heisenberg: ogni qual volta si effettua una misura su un sistema fisico quantistico, per esempio per determinare la posizione di una particella, si influisce sul comportamento di quest’ultima, modificandone la velocità.

L’osservatore, quindi, da mero spettatore passivo, assume un ruolo più attivo, di protagonista della scena.

Eppure, nonostante le sue apparenti stranezze, è nella meccanica quantistica che sembra risiedere la vera essenza di tutto ciò che vediamo:

un mondo in continuo movimento, sospinto da legami tra forze fondamentali e governato da leggi associabili ad intuizioni filosofico-religiose risalenti a più di 2000 anni.

In questo seminario, organizzato dall’Istituto di Psicosomatica Integrata di Gallarate, verranno affrontati alcuni di questi argomenti, senza pretesa di completezza,  secondo la personale esperienza del relatore e della sua attività scientifica di ingegnere matematico.

Andrea Zoccarato e Gianpaolo Ragusa, psicologi e psicosomatologi, accompagneranno l’intervento offrendo i loro contributi in qualità di osservatori, nel campo della Psicosomatica Integrata, dei diversi fenomeni “non lineari” che l’esperienza della loro professione può riservare.

È possibile accedere ai nostri corsi di formazione in qualunque momento dell’anno. Per conoscere il calendario delle attività formative e valutare l’iscrizione a qualunque percorso un tutor sarà a disposizione per un incontro individuale di presentazione.

Scrivere a info@psicosomaticaintegrata.it indicando un recapito telefonico, oppure chiamare il +39 334 7807325
NB: Le date dei corsi potrebbero subire delle variazioni. L’Istituto di Psicosomatica Integrata non risponde di eventuali oneri derivanti da tali variazioni.

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • Sogno o son desto? Utopia come ecologia della mente | Webinar | 5 marzo
    Utopia è una parola che deriva dal greco oy, non e topos, luogo. Si tratta di un vocabolo coniato da Tommaso Moro, letterato del XVII secolo, che lo utilizzò per descrivere un governo modello di un paese immaginario. Moro non fu il primo a sognare un luogo ideale e inesistente, dove la politica e la […]
  • Il ritorno del capro espiatorio | Webinar | 6 marzo
    Wilfred R. Bion fu uno dei maggiori esponenti della psicoanalisi di gruppo che concettualizzò quelli che oggi sono conosciuti come assunti di base, ovvero delle modalità di funzionamento dei gruppi che smarriscono l’obiettivo comune e mettono in atto comportamenti caratterizzati da meccanismi di difesa regressivi indotti dall’ansia. Nello specifico l’autore descrive tre assunti di base: di […]
Torna in cima