fbpx
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Introduzione del Responsabile del Polo Bergamasco, Dott. Michele Fortis, con la partecipazione dei docenti dell’Istituto di Psicosomatica Integrata.

Il dolore cronico rappresenta una delle problematiche patologiche più diffuse nella società moderna  una delle sfide più difficili per la medicina che propone modelli in cui si associano metodiche terapeutiche differenti nella speranza di cogliere più livelli di articolazione del problema, considerando gli aspetti psichici come conseguenze o comorbilità, oppure ancora come vere cause psicogene.

La storia della Psicosomatica è attraversata dal tentativo di integrare il dolore somatico nel campo psichico presupponendo il primato della mente sul corpo.

La Psicosomatica Integrata oltrepassa questa dualità attraverso un modello epistemologico che analizza e dialoga con le molteplici interazioni tra mente e corpo, utilizzando tecniche e linguaggi specifici dei due campi del sistema psicosomatico.

Il corso fornisce strumenti pratici per riconoscere e distinguere i livelli di embricatura tra dolore somatico e sofferenza psichica, indicando al terapeuta le modalità di trattamento più adeguate.

È possibile accedere ai nostri corsi di formazione in qualunque momento dell’anno. Per conoscere il calendario delle attività formative e valutare l’iscrizione a qualunque percorso un tutor sarà a disposizione per un incontro individuale di presentazione.

Scrivere a info@psicosomaticaintegrata.it indicando un recapito telefonico, oppure chiamare il +39 334 7807325
NB: Le date dei corsi potrebbero subire delle variazioni. L’Istituto di Psicosomatica Integrata non risponde di eventuali oneri derivanti da tali variazioni.

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • L’espressività del corpo
    “Se vuoi conoscere i tuoi pensieri di ieri, guarda il tuo corpo di oggi. Se vuoi sapere come sarà il tuo corpo domani, guarda i tuoi pensieri di oggi.” Antico proverbio indiano
  • Condanna?
    “Il trauma è una realtà della vita, ma non per questo dev’essere una condanna a vita.” Peter A. Levine
Torna in cima