fbpx
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

L’armonia fra mente e corpo nelle medicine orientali

Conduce Jacques Kazadi Dott. in sociologia e profumiere

 

L’Istituto di Psicosomatica Integrata, sempre aperto a un confronto con i modelli della cura, ospita il laboratorio curato da Jacques Kazadì, il quale discuterà l’associazione tra oli essenziali e circolazione energetica nei chakra.
I chakra, secondo il modello della medicina tradizionale indiana, ayurveda, sono i centri posizionati lungo l’asse centrale del corpo umano, che raccolgono e irradiano i diversi tipi di energia. La buona circolazione energetica nei chakra è indice di un equilibrio psicofisico. Lo squilibrio, al contrario, può comportare disfunzioni sia sul piano somatico che emotivo. Secondo il modello di cura seguito da Jacques Kazadì, gli oli essenziali, grazie alle loro proprietà vibrazionali, possono facilitare un recupero dell’armonia energetica.

[separator top=”40″ bottom=”40″ style=”shadow”]

La partecipazione alle conferenze è gratuita previa prenotazione. 

Per informazioni e prenotazioni chiama il +39 334 7807325 o scrivi a segreteria@somatologia.it

[separator top=”40″ bottom=”40″ style=”shadow”]

un evento promosso da:

AIPP logo

È possibile accedere ai nostri corsi di formazione in qualunque momento dell’anno. Per conoscere il calendario delle attività formative e valutare l’iscrizione a qualunque percorso un tutor sarà a disposizione per un incontro individuale di presentazione.

Scrivere a info@psicosomaticaintegrata.it indicando un recapito telefonico, oppure chiamare il +39 334 7807325
NB: Le date dei corsi potrebbero subire delle variazioni. L’Istituto di Psicosomatica Integrata non risponde di eventuali oneri derivanti da tali variazioni.

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • L’espressività del corpo
    “Se vuoi conoscere i tuoi pensieri di ieri, guarda il tuo corpo di oggi. Se vuoi sapere come sarà il tuo corpo domani, guarda i tuoi pensieri di oggi.” Antico proverbio indiano
  • Condanna?
    “Il trauma è una realtà della vita, ma non per questo dev’essere una condanna a vita.” Peter A. Levine
Torna in cima