fbpx

L’atto psicologico fra tecnica ed etica

Home/Conferenze, Eventi esterni/L’atto psicologico fra tecnica ed etica
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

conversazione a partire dal testo di Riccardo Marco Scognamiglio
Psicologia psicosomatica. L’atto psicologico tra codici del corpo e codici della parola


Milano, 21 Giugno 2016
ore 21:00

La nozione di atto, secondo John Austin, rimanda all’idea di enunciati linguistici non solamente comunicativi, bensì trasformativi della realtà stessa. Nel lavoro clinico Jacques Lacan mostra, col taglio “anticipato” della seduta analitica, come si possano utilizzare, oltre al potere performativo della parola, anche elementi extra linguistici per incidere sul discorso del paziente, e di come ciò possa avere effetti sul corpo.

Sulle questioni tecniche e sulla dimensione intrinseca dell’atto psicologico s’interroga proprio il testo di Scognamiglio: lo psicologo compie degli atti? Di che natura? Questi atti possono riguardare anche il corpo? Di che corpo si tratta? Se la medicina parte dal corpo come teatro anatomico, intervenendo su di esso con bisturi e farmaci, e le neuroscienze tendono a un riduzionismo organicistico che alimenta ciò che Whitehead chiamava “la fallacia della concretezza malposta”, l’atto psicologico si pone invece come “evento” capace di muoversi sull’area d’intersezione fra i codici del corpo e i codici della parola.

L’atto risulta così quella categoria concettuale intermedia grazie alla quale l’intervento tecnico non risponde a un protocollo standardizzato, bensì all’unicità del singolo, quindi a una dimensione propriamente etica. Una volta realizzato, l’atto “sarà stato” quell’unicum che ha consentito di portare al soggetto un supplemento di sapere su di sé che non era in precedenza anticipabile.

Graziano Senzolo (psicoterapeuta e docente dell’Istituto per la Clinica dei Legami Sociali) e Michele Capararo (neurologo e psicoterapeuta) discuteranno con l’autore Riccardo Marco Scognamiglio (psicoterapeuta e direttore scientifico dell’Istituto di Psicosomatica Integrata) sulla natura dell’atto clinico portatore di una funzione psicologica che interroga il dolore e la malattia a partire dal “chi” del paziente, un “chi” che non si limita alla parola, ma che è soprattutto corpo, fatto di muscoli, scheletro, articolazioni, organi, visceri e sistemi funzionali, un corpo abitato da una soggettività.

È possibile accedere ai nostri corsi di formazione in qualunque momento dell’anno. Per conoscere il calendario delle attività formative e valutare l’iscrizione a qualunque percorso un tutor sarà a disposizione per un incontro individuale di presentazione.

Scrivere a info@psicosomaticaintegrata.it indicando un recapito telefonico, oppure chiamare il +39 334 7807325
NB: Le date dei corsi potrebbero subire delle variazioni. L’Istituto di Psicosomatica Integrata non risponde di eventuali oneri derivanti da tali variazioni.

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • L’espressività del corpo
    “Se vuoi conoscere i tuoi pensieri di ieri, guarda il tuo corpo di oggi. Se vuoi sapere come sarà il tuo corpo domani, guarda i tuoi pensieri di oggi.” Antico proverbio indiano
  • Condanna?
    “Il trauma è una realtà della vita, ma non per questo dev’essere una condanna a vita.” Peter A. Levine
Torna in cima