Mio figlio non riesce a stare senza smartphone

Home/Eventi esterni/Mio figlio non riesce a stare senza smartphone
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Gli strumenti tecnologici sono da tempo entrati nelle nostre vite. Lo smartphone è il simbolo della comunicazione globalizzata, dell’abbattimento delle barriere geografiche e generazionali, l’icona di un tempo in cui, per la prima volta nella storia, la trasmissione del sapere avviene dal giovane all’adulto.

La vita nel Web viaggia in parallelo alla vita reale, impattando sul nostro pensiero, sulle sensazioni, sulle emozioni, sulla percezione dello “stare nel mondo”.

Cambiano le menti, ma soprattutto i corpi.

Cosa fare di fronte a un mondo, quello del Web, in cui le possibilità si accompagnano a rischi spesso mimetizzati?

Come possono l’adulto, la scuola, le figure e le istituzioni educative sviluppare nelle nuove generazioni un atteggiamento critico sull’uso della tecnologia?

Con questo libro Giuseppe Lavenia, presenta le nuove tecnologie e le problematiche legate al loro abuso, fornendo suggerimenti e indicazioni pratiche per imparare a integrarle in modo consapevole nella nostra vita e in quella dei nostri figli.

Il volume è un aiuto concreto alle famiglie per capire come orientare il proprio figlio nell’utilizzo dello smartphone, senza giudizi o divieti e una guida nella gestione delle diverse forme con cui si manifestano le dipendenze tecnologiche (Nomofobia, Hikikomori, dipendenza dai videogiochi).

 

Giuseppe Lavenia, autore, psicologo, psicoterapeuta. Presidente dell’Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo (Di.Te). Vicedirettore della Scuola di Psicoterapia Analitica di Gruppo Nuova Clinica e Nuovi Setting. Vicepresidente dell’Ordine degli Psicologi della Regione Marche e Consigliere nazionale ENPAP.

 

Dialoga con:

RICCARDO MARCO SCOGNAMIGLIO: psicologo, psicoterapeuta, psicoanalista, psicosomatologo. Fondatore e direttore scientifico dell’Istituto di Psicosomatica Integrata. Direttore della Scuola di Psicoterapia Analitica di Gruppo Nuova Clinica e Nuovi Setting. Responsabile della sede per la regione Lombardia dell’Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo.

SIMONE MATTEO RUSSO: psicologo, psicoterapeuta e psicosomatologo. Supervisore dell’équipe educativa dell’Istituto di Psicosomatica Integrata. Docente della Scuola di Psicoterapia Analitica di Gruppo Nuova Clinica e Nuovi Setting. Socio dell’Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo.

 

Modera:

Antonella De Minico, giornalista, collaboratrice di Viversani e Belli.

 

L’evento si svolgerà venerdì 17 gennaio 2020 alle ore 18:00 presso la Libreria Giunti Al Punto in Via Vitruvio, 43 Milano

È possibile accedere ai nostri corsi di formazione in qualunque momento dell’anno. Per conoscere il calendario delle attività formative e valutare l’iscrizione a qualunque percorso un tutor sarà a disposizione per un incontro individuale di presentazione.

Scrivere a info@www.somatologia.it indicando un recapito telefonico, oppure  chiamare il +39 3347807325
NB: le date dei corsi potrebbero subire delle variazioni. L’Istituto di Psicosomatica Integrata non risponde di eventuali oneri derivanti da tali variazioni.

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • Alla scoperta del corpo femminile | LA ZONA PELVICA – 3a Edizione | 5 Novembre 2020
    Secondo alcune ricerche, più del 70% delle donne, in Italia, lamenta vulnerabilità ed alterazioni che riguardano la zona pelvica. Quest’area del corpo, estremamente sensibile e reattiva a input strutturali, organici, ambientali, alimentari ed emozionali, risulta spesso dimenticata e inesplorata. La popolazione femminile corre il rischio di occuparsene solo in presenza di segnali organici, ovvero nel […]
  • UN VUOTO CHE BRUCIA | Storie Psicosomatiche*
    Vittoria, 42 anni, arriva in seduta portando il suo sintomo: una cistite che si ripresenta ormai da diversi anni, per la quale sono stati consultati svariati medici e specialisti. Un sintomo cristallizzato e irrisolto.  Tracciando una mappa delle relazioni di Vittoria, risulta molto scarna, ed emerge che i 45 minuti di seduta rappresentano l’unico momento […]
Torna in cima