STIAMO CAMBIANDO | Vita e corpi online

Home/Conferenze, Eventi esterni/STIAMO CAMBIANDO | Vita e corpi online
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Sabato 5 Ottobre
ore 18:00

STIAMO CAMBIANDO
vita e corpi online

 

I device hanno cambiato la vita di tutti e in molti casi, soprattutto tra i giovanissimi, sono diventati essi stessi la vita. Nel perimetro solo apparentemente vasto dell’online si cerca di condensare tutte le esperienze possibili.

 

La modalità di relazionarsi e i sintomi di un potenziale disagio sono solo la punta di un iceberg complesso: l’effetto del vivere attraverso il web, infatti, impatta in primis sul pensiero, sulle sensazioni e sulla fruizione delle emozioni. La matrice su cui si gioca tutto questo è il corpo, che subisce modifiche neurali significative e incrementa schemi comportamentali reattivi, spesso alimentati dall’adozione massiva di smartphone e videogame.

 

Queste mutazioni quali potenzialità e quali rischi implicano per ognuno di noi? E in ambito relazionale, che tipi di affettività si possono sperimentare nel mondo virtuale partendo da un corpo digitalmente modificato? Ma soprattutto, quali forme, spesso mimetizzate, assume il dolore in questo panorama di pixel?

 

Internet addiction, hikikomori, sindrome da affaticamento cognitivo, sono etichette che spiegano solo in parte la complessità e i pericoli di questa “vita nella vita”.

 

L’inaugurazione della sede di Gallarate del centro per le Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo (Di.Te) è l’occasione per capirne di più.

 

Gli esperti Giuseppe Lavenia, Riccardo Marco Scognamiglio, Simone Matteo Russo e Andrea Zoccarato affronteranno in un ampio dibattito le potenzialità promosse dalla rivoluzione tecnologica, ma anche i nuovi sintomi, relazionali e psico-somatici, amplificati dalla potenza del web.

 

TOPICS

  • Riflessioni sulla diffusione del web e delle patologie a esso correlate (addiction, hikikomori, sindrome da affaticamento cognitivo).
  • Le tipologie e modalità relazionali del web.
  • Illustrazione delle modifiche somato-psichiche correlate all’utilizzo dei device.
  • Il modello di intervento clinico: l’attività dell’Associazione Nazionale per le dipendenze tecnologiche GAP e cyberbullismo (Di.Te).

RELATORI

Giuseppe Lavenia

Psicologo e Psicoterapeuta | Presidente dell’Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo

Riccardo Marco Scognamiglio

Psicoterapeuta, Psicoanalista e Psicosomatologo | Direttore scientifico dell’Istituto di Psicosomatica Integrata

Simone Matteo Russo

Psicoterapeuta e Psicosomatologo | Cordinatore dell’area “Adolescenza” dell’Istituto di Psicosomatica Integrata

Andrea Zoccarato

Psicologo e Psicosomatologo | Responsabile della sede di Gallarate

Alessia Leoni

Psicologa Clinica

 

LUOGO EVENTO

Università del Melo – Sala Dragoni
Gallarate | Via Magenta, 3

 

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti

Al termine dell’evento è previsto un rinfresco

 

SCARICA IL VOLANTINO

 

È possibile accedere ai nostri corsi di formazione in qualunque momento dell’anno. Per conoscere il calendario delle attività formative e valutare l’iscrizione a qualunque percorso un tutor sarà a disposizione per un incontro individuale di presentazione.

Scrivere a info@www.somatologia.it indicando un recapito telefonico, oppure  chiamare il +39 3347807325
NB: le date dei corsi potrebbero subire delle variazioni. L’Istituto di Psicosomatica Integrata non risponde di eventuali oneri derivanti da tali variazioni.

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • Collective yoga | 31 Ottobre |Corso online
    Sabato 31 Ottobre Alessia Baretta, fondatrice di Somatic Competence Yoga®, terrà una sessione di Collective Yoga. La proposta nasce dall’idea di vivere un momento di condivisione e ispirazione durante la pratica, senza seguire un copione di sequenze prestabilite. È un’occasione per porre domande e concedersi di assecondare le richieste del proprio corpo. La lezione prevede […]
  • Il motore della sofferenza
    “Non sono la più forte. Non sono la più veloce. Ma sono quella che sa soffrire meglio.” Amelia Boone, atleta
Torna in cima