Master Corpo e Emozioni | Ottobre 2016

Home/Formazione/Master Corpo e Emozioni | Ottobre 2016

Master Corpo e Emozioni | Ottobre 2016

corpo-e-emozioni-banner

SCUOLA DI PSICOLOGIA PSICOSOMATICA

Per medici e psicologi, anche in formazione,
e per chi opera nel campo della salute e delle risorse umane.

 

Amplia il tuo setting di lavoro

Esplora, grazie alle tecniche non invasive del Somatic Competence Model, le potenzialità di un dialogo che si spinge oltre la parola. Contattare la dimensione corporea nel lavoro clinico permette di bypassare le difficolta e le resistenze dell’espressione verbale nell’esplorazione dell’universo emozionale.
Acquisendo le logiche della relazione corpo-mente, è possibile entrare in contatto con la realtà emotiva del paziente e con le sue memorie traumatiche, in un lavoro non invasivo e molto profondo, dal corpo alla parola.

Argomenti trattati

  • Approfondimento delle più attuali teorie sulle emozioni (Panksepp, LeDoux, Damasio, Siegel), in particolare nel legame con il corpo.
  • Il costrutto di alessitimia e di disregolazione emotiva, alla base delle nuove forme di malessere clinico.
  • Il costrrutto sperimentale di “Competenza Somatica” nel rapporto fra alessitimia e focalizzazione sul corpo.
  • Tecniche di facilitazione propriocettiva per accedere ai diversi livelli di interazione mente-corpo.
  • Strumenti di dialogo e gestione delle emozioni.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Leave A Comment

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • AFFRONTARE ANSIA E PANICO | GALLARATE | 23 MAGGIO 2018
    Come affrontare ansia e panico non gravi in ottica psico – somatica? I quadri ansiosi coinvolgono e sconvolgono la mente, ma anche e soprattutto il corpo, che spesso manifesta tremori, tachicardia, sudori freddi. L’intervento congiunto di psicologo psicosomatolgo e naturopata permette di affrontare le criticità su entrambi i versanti per lavorare in sinergia sullo stile […]
  • GLI EFFETTI DEL TRAUMA
    “I bambini con storie di abuso e grave trascuratezza imparano che il loro terrore, le loro implorazioni e il loro pianto non hanno alcun effetto sul caregiver. Niente di ciò che possono fare o dire interrompe le botte o suscita attenzione o aiuto. In effetti, sono destinati a mollare di fronte agli ostacoli che la […]