Fisiopatologia e farmacologia del dolore in psicosomatica. -Milano, 9 e 29 Novembre 2014

Home/Articoli, Formazione, News/Fisiopatologia e farmacologia del dolore in psicosomatica. -Milano, 9 e 29 Novembre 2014

Fisiopatologia e farmacologia del dolore in psicosomatica. -Milano, 9 e 29 Novembre 2014

fisiopatologia-del-dolore

Il dolore è il sintomo che accomuna la maggior parte delle patologie e che meglio esprime la sofferenza. Il corso propone gli elementi della genesi, trasmissione ed elaborazione del dolore rilette nel campo psicosomatico. Partendo dalle conoscenze scientifiche sulla natura nocicettiva e neuropatica, si esplorano tutte le possibili interfacce tra sistemi biologici e neuro-psicologici.

Anche quando il dolore è primariamente psicologico, conoscerne le vie di modulazione può essere fondamentale per indirizzare e utilizzare al meglio le tecniche rivolte al suo controllo. La terapia farmacologica del dolore mantiene una grande importanza: si propone una lettura farmacologica e simbolica dei principali rimedi utilizzati al fine di meglio interpretare le scelte cliniche convenzionali.

_______________________________________

Docente

Michele Fortis Medico Chirurgo, Anestesista e Psicosomatologo 

Euro 150 (IVA esclusa)

Per informazioni e iscrizioni

e-mail: info@somatologia.it

tel: 02.89546337

Istituto di Psicosomatica Integrata

via Vitruvio 3, Milano

Leave A Comment

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • AFFRONTARE ANSIA E PANICO | GALLARATE | 23 MAGGIO 2018
    Come affrontare ansia e panico non gravi in ottica psico – somatica? I quadri ansiosi coinvolgono e sconvolgono la mente, ma anche e soprattutto il corpo, che spesso manifesta tremori, tachicardia, sudori freddi. L’intervento congiunto di psicologo psicosomatolgo e naturopata permette di affrontare le criticità su entrambi i versanti per lavorare in sinergia sullo stile […]
  • GLI EFFETTI DEL TRAUMA
    “I bambini con storie di abuso e grave trascuratezza imparano che il loro terrore, le loro implorazioni e il loro pianto non hanno alcun effetto sul caregiver. Niente di ciò che possono fare o dire interrompe le botte o suscita attenzione o aiuto. In effetti, sono destinati a mollare di fronte agli ostacoli che la […]