Floriterapia di Bach

Home/Formazione/Floriterapia di Bach

Floriterapia di Bach

Nella filosofia del Dr. Edward Bach, medico omeopata inglese (1886-1936) nonché creatore della Floriterapia, possiamo riconoscere uno dei principi portanti del modello di Psicologia Psicosomatica: il sintomo viene interpretato non come un’elemento patogeno da eliminare, ma come un segnale d’allarme che il corpo invia per comunicare un disagio più profondo, che investe tutta la sfera vitale della persona. La Floriterapia, all’interno del modello di pensiero naturopatico, è un sistema di cura unico nel suo genere, in quanto il suo obiettivo è quello di interagire con il mondo delle emozioni. L’essenza del Fiore lavora, secondo Bach,  sul sistema energetico dell’uomo e sulle frequenze emotive disfunzionali ritenute alla base delle sofferenze fisiche nel corpo. Partendo dall’esplorazione del mondo delle emozioni, il modulo si propone di approfondire la conoscenza di ogni Fiore e delle sue caratteristiche “terapeutiche”.

Accanto agli aspetti tecnici e di teoria dell’interazione tra aspetti vibrazionali e organismo umano, si accennerà anche ad una lettura dei diversi piani interessati della somministrazione nella relazione terapeutica grazie alla discussione di alcuni casi clinici.

Docente: Laura Corona

Date:  Novembre 2017: ven 13; ven27

Orari: 10 – 19

SARANNO FORNITE A BREVE MAGGIORI INFORMAZIONI

 

Leave A Comment

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • AFFRONTARE ANSIA E PANICO | GALLARATE | 23 MAGGIO 2018
    Come affrontare ansia e panico non gravi in ottica psico – somatica? I quadri ansiosi coinvolgono e sconvolgono la mente, ma anche e soprattutto il corpo, che spesso manifesta tremori, tachicardia, sudori freddi. L’intervento congiunto di psicologo psicosomatolgo e naturopata permette di affrontare le criticità su entrambi i versanti per lavorare in sinergia sullo stile […]
  • GLI EFFETTI DEL TRAUMA
    “I bambini con storie di abuso e grave trascuratezza imparano che il loro terrore, le loro implorazioni e il loro pianto non hanno alcun effetto sul caregiver. Niente di ciò che possono fare o dire interrompe le botte o suscita attenzione o aiuto. In effetti, sono destinati a mollare di fronte agli ostacoli che la […]