Il Qi Gong – tra la medicina occidentale e l’arte marziale

Home/Rassegna stampa/Il Qi Gong – tra la medicina occidentale e l’arte marziale

Il Qi Gong – tra la medicina occidentale e l’arte marziale

Arti d'Oriente aprile 1999

Arti d’Oriente

(Aprile 1999)

Le pratiche dello Qi Gong non hanno nulla di mistico. Uno studio dell’uomo attraverso lo Qi Gong è possibile. Come scritto dal chirurgo-oncologo Yayama nel 1995, la medicina occidentale può integrarsi con tali tecniche per favorire il rafforzamento del corpo e la scomparsa del dolore dai muscoli. Le quattro fasi del metodo Yayama, riconosciute dalla medicina cinese, sono: la sensibilizzazione dei meridiani, lo shoshuten-piccolo circuito, il daishuten-grande circuito, il furenshuten-circolazione spontanea permanente.

 


pag 1pag 2pag 3

pag 4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave A Comment

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • AFFRONTARE ANSIA E PANICO | GALLARATE | 23 MAGGIO 2018
    Come affrontare ansia e panico non gravi in ottica psico – somatica? I quadri ansiosi coinvolgono e sconvolgono la mente, ma anche e soprattutto il corpo, che spesso manifesta tremori, tachicardia, sudori freddi. L’intervento congiunto di psicologo psicosomatolgo e naturopata permette di affrontare le criticità su entrambi i versanti per lavorare in sinergia sullo stile […]
  • GLI EFFETTI DEL TRAUMA
    “I bambini con storie di abuso e grave trascuratezza imparano che il loro terrore, le loro implorazioni e il loro pianto non hanno alcun effetto sul caregiver. Niente di ciò che possono fare o dire interrompe le botte o suscita attenzione o aiuto. In effetti, sono destinati a mollare di fronte agli ostacoli che la […]