Meditare nella vita quotidiana

Home/News/Meditare nella vita quotidiana

Meditare nella vita quotidiana

Come esercitare la presenza mentale attraverso la consapevolezza corporea.

Attraverso un percorso di meditazione in chiave moderna verranno proposti esercizi di utilità pratica per rispondere alle esigenze di oggi, basati sull’osservazione della reattività automatica dei pensieri agli eventi e sull’attenzione alle sensazioni corporee.

Il nostro training mira a sviluppare la capacità di percezione dei segnali interni del corpo, per riconoscerli nella loro specificità e per saperli regolare in base alle situazioni.

La persona imparerà così a riportare la concentrazione al momento presente, a gestire le emozioni e i pensieri intrusivi e a rompere il circolo vizioso della reattività allo stress, presupposti fondamentali per migliorare la qualità della vita.

 

Conduce

Simone Matteo Russo – Psicologo Psicoterapeuta e Psicosomatologo

 

Date

24 febbraio

3, 10, 17, 24 e 31 marzo

7 e 14 aprile

 

Orari

dalle 19.30 alle 21:00

 

Costo

100 euro (+IVA 22%)

 

Per informazioni

contattare Eleonora Meda al 334.7807325 oppure tramite e-mail all’indirizzo segreteria@somatologia.it

Iscriviti qui.

 

Scarica la brochure:

Corso di meditazione a Milano dal 24 febbraio 2014 – Locandina A4

Locandina A4 corso di meditazione a Milano 2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

iscriviti-newsletter 

One Comment

  1. […] MAGGIORI INFORMAZIONI […]

Leave A Comment

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • AFFRONTARE ANSIA E PANICO | GALLARATE | 23 MAGGIO 2018
    Come affrontare ansia e panico non gravi in ottica psico – somatica? I quadri ansiosi coinvolgono e sconvolgono la mente, ma anche e soprattutto il corpo, che spesso manifesta tremori, tachicardia, sudori freddi. L’intervento congiunto di psicologo psicosomatolgo e naturopata permette di affrontare le criticità su entrambi i versanti per lavorare in sinergia sullo stile […]
  • GLI EFFETTI DEL TRAUMA
    “I bambini con storie di abuso e grave trascuratezza imparano che il loro terrore, le loro implorazioni e il loro pianto non hanno alcun effetto sul caregiver. Niente di ciò che possono fare o dire interrompe le botte o suscita attenzione o aiuto. In effetti, sono destinati a mollare di fronte agli ostacoli che la […]