Codici del Corpo: tecniche di ascolto.

Home/Formazione/Codici del Corpo: tecniche di ascolto.

Codici del Corpo: tecniche di ascolto.

La teoria dei codici è il concetto chiave del modello somatologico:  il corso introduce alla conoscenza e all’analisi delle differenze tra codici analogici, propri della parola, e codici digitali (di tipo on/off)  che caratterizzano i linguaggi somatici.   I partecipanti avranno la possibilità di sperimentare direttamente i diversi tipi di ascolto, affinando ed ampliando le proprie capacità percettive, acquisendo strumenti e tecniche per valutare le variazioni in funzione degli stimoli con cui la persona viene confrontata e rilevando in tempo reale l’eventuale stress associato.  I fattori stressogeni possono essere indifferentemente di tipo fisico-strutturale, biochimico-nutrizionale, emotivo-mentale, o anche puramente energetico.

Destinatari: psicologi, medici, counselor, assistenti sociali, educatori, insegnanti, ecc.

Docenti: Riccardo Marco ScognamiglioAlessandro Aloisi

Tre giornate di formazione: 5, 6 e 20 Febbraio 2011

Orari: 9:30 – 18:30
Sede di Milano
Costo:  Euro 220,00  (+ Iva)

Crediti e certificati:
Crediti formativi 24 ore validi per la Scuola di Conseling
I partecipanti ricevono un diploma di frequenza

Per iscrizioni  e informazioni:
contattare il responsabile dell’organizzazione didattica (dott. Gianpaolo Ragusa) allo 02.89.54.63.37

Leave A Comment

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • AFFRONTARE ANSIA E PANICO | GALLARATE | 23 MAGGIO 2018
    Come affrontare ansia e panico non gravi in ottica psico – somatica? I quadri ansiosi coinvolgono e sconvolgono la mente, ma anche e soprattutto il corpo, che spesso manifesta tremori, tachicardia, sudori freddi. L’intervento congiunto di psicologo psicosomatolgo e naturopata permette di affrontare le criticità su entrambi i versanti per lavorare in sinergia sullo stile […]
  • GLI EFFETTI DEL TRAUMA
    “I bambini con storie di abuso e grave trascuratezza imparano che il loro terrore, le loro implorazioni e il loro pianto non hanno alcun effetto sul caregiver. Niente di ciò che possono fare o dire interrompe le botte o suscita attenzione o aiuto. In effetti, sono destinati a mollare di fronte agli ostacoli che la […]