fbpx

“Giuro di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità!”. L’impossibile a dirsi, dal lapsus al web.

Home/Conferenze/“Giuro di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità!”. L’impossibile a dirsi, dal lapsus al web.
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

 

Giovedì 2 Luglio
ore 21:00

“Giuro di dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità!”  

L’impossibile a dirsi, dal lapsus al web

“E sebbene siamo inclini a pensare che la “vera” identità sia quella connessa alla vita fisica del corpo e le altre identità siano fittizie, la psicologia insegna che invece è spesso nelle identità virtuali che il soggetto ottiene di “incarnare” ciò che sente come autentico, relegando la propria identità ‘reale’ al ruolo di una finzione obbligata, prosciugata dai desideri e dagli istinti, consegnata al rito dei gesti vuoti” 
(Stefano Benzoni Prefazione di Adolescenti Digitalmente Modificati, 2018)

 

Il bambino, per capire chi è, ha bisogno di specchiarsi e di riconoscersi unico dentro allo sguardo di un adulto sintonico. Per la psicologia egli conquista, attraverso il “fare finta di…”, il passaggio alla comprensione della realtà. Scoprire il senso delle cose necessita quindi di passare da un altro che ci restituisca chi siamo e di una finzione in cui esercitare la verità di ciò che facciamo. Eppure l’altro, a sua volta, si trova al lavoro in questo gioco di specchi, di artefazioni e di sguardi, nella ricerca del proprio punto di verità. Negli atti mancati la psicoanalisi riconosce tracce di verità celate; attraverso i conflitti somato-emozionali la Psicologia psicosomatica lavora nel campo dell’autenticità del corpo che travalica mistificazioni e opinioni.
“Che cosa è rimasto del reale?”. L’interpretazione più comune, ancora oggi, è che la vita offline corrisponda alla realtà, mentre quella online sia solo virtuale e quindi, forse, fittizia.
“Chi può dire la verità?” Forse un koan, un lapsus o un’espressione involontaria del corpo, ma anche le caratteristiche fantasmagoriche di un avatar.
Come può inserirsi la psicoanalisi in tale contesto ipermoderno?

 

I relatori, all’interno della rassegna FilosofArtihanno dialogato per affrontare questi temi complessi e il malessere ad essi connesso.

RELATORI

Riccardo Marco Scognamiglio

Psicoterapeuta, Psicoanalista e Psicosomatologo | Direttore scientifico dell’Istituto di Psicosomatica Integrata

Andrea Zoccarato

Psicologo e Psicosomatologo | Responsabile della sede di Gallarate

 

IL TALK, REGISTRATO IL 30 MAGGIO E PRESENTE ONLINE ALLA PAGINA YOUTUBE DI FILOSOFARTI

VERRÀ TRASMESSO IL 2 LUGLIO SULLE SEGUENTI PAGINE FACEBOOK:

Istituto di Psicosomatica Integrata


 

 

È possibile accedere ai nostri corsi di formazione in qualunque momento dell’anno. Per conoscere il calendario delle attività formative e valutare l’iscrizione a qualunque percorso un tutor sarà a disposizione per un incontro individuale di presentazione.

Scrivere a info@psicosomaticaintegrata.it indicando un recapito telefonico, oppure chiamare il +39 334 7807325
NB: Le date dei corsi potrebbero subire delle variazioni. L’Istituto di Psicosomatica Integrata non risponde di eventuali oneri derivanti da tali variazioni.

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • Sogno o son desto? Utopia come ecologia della mente | Webinar | 5 marzo
    Utopia è una parola che deriva dal greco oy, non e topos, luogo. Si tratta di un vocabolo coniato da Tommaso Moro, letterato del XVII secolo, che lo utilizzò per descrivere un governo modello di un paese immaginario. Moro non fu il primo a sognare un luogo ideale e inesistente, dove la politica e la […]
  • Il ritorno del capro espiatorio | Webinar | 6 marzo
    Wilfred R. Bion fu uno dei maggiori esponenti della psicoanalisi di gruppo che concettualizzò quelli che oggi sono conosciuti come assunti di base, ovvero delle modalità di funzionamento dei gruppi che smarriscono l’obiettivo comune e mettono in atto comportamenti caratterizzati da meccanismi di difesa regressivi indotti dall’ansia. Nello specifico l’autore descrive tre assunti di base: di […]
Torna in cima