Yoga e Trauma

Home/Corsi, Formazione/Yoga e Trauma
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

 

Già prima della pandemia, le statistiche ci mostravano una significativa presenza di traumatismo in gran parte della popolazione. Questi effetti si manifestano a seguito di condizioni o eventi drammatici, come incidenti, catastrofi naturali, contesti familiari e relazionali disfunzionali o abusanti, ma anche come risposta all’accelerazione digitale che aumenta la reattività del nostro corpo e frammenta sempre più le relazioni. Il distanziamento fisico durante il COVID-19 ha aumentato l’utilizzo dei mezzi digitali per preservare l’interazione sociale, ma non senza un impatto sui nostri corpi.

Questi effetti si manifestano a livello emotivo ma prima di tutto nel corpo, con varie sintomatologie come attacchi di panico, stati di ansia, depressione, malattie psicosomatiche.

Le lezioni di yoga sono uno dei luoghi principali in cui cerchiamo una regolazione degli stati del corpo, sia per i benefici della pratica in sé, sia per il contesto intimo e la relazione di fiducia che si può creare con l’insegnante di yoga.

È quindi di massima importanza, in particolare in questo momento storico, considerare che ciascun allievo porta sul tappetino tutta la sua storia, compresi traumi recenti e antichiIl ruolo dell’insegnante di yoga può essere cruciale nel determinare come l’allievo abiti il proprio corpo traumatizzato.

È importante che l’insegnante che si confronta con tale complessità conosca i meccanismi che determinano l’impatto di un’esperienza traumatica sul corpo e sulle relazioni, e sappia prevenire e gestire situazioni critiche in cui il trauma riemerge nella sua forza disorganizzante.

 


 

Questo modulo formativo è aperto a tutti gli insegnanti di yoga, psicologi, psicoterapeuti e operatori del benessere interessati ad approfondire i principi dell’approccio trauma-informed nella pratica.

Il modulo sarà strutturato in due giornate e includerà spiegazioni teoriche e momenti di condivisione ed esercitazione. Fra i concetti teorici affronteremo:

  • Neurobiologia del trauma
  • Teoria polivagale
  • Teoria dell’attaccamento
  • Princìpi trauma-informed
  • Analisi e confronto dei vari approcci trauma-informed
  • Princìpi dell’approccio Somatic Competence® Yoga

 


 

CALENDARIO

27-28 Giugno 2020

Ore 9:30-13:30, 14:30-16:30

Gli iscritti riceveranno il link per collegarsi all’evento online.

DOCENTI

Alessia Baretta | Fondatrice di Somatic Competence® Yoga

Somatic Competence® Yoga Teacher, RYT 500PLUS e Dottore di Ricerca in Bioingegneria

Mark Morbe | Co-fondatore di Somatic Competence® Yoga

Psicologo e Psicosomatologo

PREZZI

160€ per iscrizioni entro il 23 Giugno 2020

Al termine del modulo di formazione verrà rilasciato l’attestato di partecipazione al corso.

I partecipanti a questo modulo formativo potranno iscriversi al Corso Annuale di Alta Formazione in Somatic Competence® Yoga alla tariffa agevolata di 1650€ invece di 1750€ entro il 30 Giugno 2020.

È possibile accedere ai nostri corsi di formazione in qualunque momento dell’anno. Per conoscere il calendario delle attività formative e valutare l’iscrizione a qualunque percorso un tutor sarà a disposizione per un incontro individuale di presentazione.

Scrivere a info@www.somatologia.it indicando un recapito telefonico, oppure  chiamare il +39 3347807325
NB: le date dei corsi potrebbero subire delle variazioni. L’Istituto di Psicosomatica Integrata non risponde di eventuali oneri derivanti da tali variazioni.

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • Collective yoga | 31 Ottobre |Corso online
    Sabato 31 Ottobre Alessia Baretta, fondatrice di Somatic Competence Yoga®, terrà una sessione di Collective Yoga. La proposta nasce dall’idea di vivere un momento di condivisione e ispirazione durante la pratica, senza seguire un copione di sequenze prestabilite. È un’occasione per porre domande e concedersi di assecondare le richieste del proprio corpo. La lezione prevede […]
  • Il motore della sofferenza
    “Non sono la più forte. Non sono la più veloce. Ma sono quella che sa soffrire meglio.” Amelia Boone, atleta
Torna in cima