La pace della pancia -Gallarate (VA), 15 Febbraio 2015

Home/Articoli, News/La pace della pancia -Gallarate (VA), 15 Febbraio 2015

La pace della pancia -Gallarate (VA), 15 Febbraio 2015

pace-della-pancia-

Consigli nutrizionali e regole d’oro per il benessere dell’intestino


Il nostro intestino spesso viene chiamato anche “secondo cervello”. Ma è veramente “secondo” al cervello situato nella nostra testa?

Che possibili rapporti ci sono tra i due?

Durante il corso, la dott.ssa Aurora Costadoni (Naturopata, Psicologa e Psicosomatologa) cercherà di rispondere a queste domande a partire dairapporti fisiologici ed embriologici tra i due sistemi: il sistema nervoso centrale e il sistema gastrointestinale.

Verranno inoltre spiegate le caratteristiche dei differenti ambienti che si trovano nella nostra pancia, quali alimenti causano fenomeni di gonfiore, mal di pancia, stipsi e cattiva digestione e quali sono i più comuni errori alimentari da evitare.

L’analisi in chiave corporea e mentale fornirà strumenti efficaci per comprendere i principali disturbi del nostro sistema gastrointestinale.

 

_______________________________________

Docente

Aurora Costadoni, Psicologa e Naturopata

Euro 35

Per informazioni e iscrizioni

Telefono: 0331026255

Sito web: www.psicologiavarese.it

Luogo

Istituto di Psicosomatica Integrata – Polo Varesino
via Cavour 6, Gallarate, 21013 Italia

+ Google Map:

Leave A Comment

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • AFFRONTARE ANSIA E PANICO | GALLARATE | 23 MAGGIO 2018
    Come affrontare ansia e panico non gravi in ottica psico – somatica? I quadri ansiosi coinvolgono e sconvolgono la mente, ma anche e soprattutto il corpo, che spesso manifesta tremori, tachicardia, sudori freddi. L’intervento congiunto di psicologo psicosomatolgo e naturopata permette di affrontare le criticità su entrambi i versanti per lavorare in sinergia sullo stile […]
  • GLI EFFETTI DEL TRAUMA
    “I bambini con storie di abuso e grave trascuratezza imparano che il loro terrore, le loro implorazioni e il loro pianto non hanno alcun effetto sul caregiver. Niente di ciò che possono fare o dire interrompe le botte o suscita attenzione o aiuto. In effetti, sono destinati a mollare di fronte agli ostacoli che la […]