Floriterapia di Bach | Master in Psicologia Psicosomatica | Ultimi giorni per iscriversi

Home/Articoli, Formazione, News/Floriterapia di Bach | Master in Psicologia Psicosomatica | Ultimi giorni per iscriversi

Floriterapia di Bach | Master in Psicologia Psicosomatica | Ultimi giorni per iscriversi

SCUOLA DI PSICOLOGIA PSICOSOMATICA

Per medici e psicologi, anche in formazione,
e per chi opera nel campo della salute e delle risorse umane.

I fiori di Bach possono diventare strumenti psicologici? Se sì, come?

L’Istituto di Psicosomatica Integrata di via F. Restelli 3 (Mi) il 13, 14, 15 – 27, 28, 29 Ottobre 2017 offre agli interessati la possibilità di formarsi sulle molteplici potenzialità di questi rimedi, approfondendone le occasioni di utilizzo nel setting psicologico. Laura Corona, naturopata, e Andrea Zoccarato, psicologo psicosomatologo, illustreranno la storia, le caratteristiche curative e le modalità di intervento di un particolare modello psicosomatico di lavoro, esplorando le proprietà simboliche e relazionali dei suoi rimedi. I fiori, di fatti, se ben utilizzati, si prestano per diventare oggetti transizionali, agenti promotori dell’alleanza di lavoro, ma anche spunti di discorso per ampliare la prospettiva sul mondo interno del cliente e non solo.

Per chi si iscrive entro il 9 ottobre, l’intero master costa 520 euro anziché 590!

Scopri di più

By |marzo 5th, 2017|Categories: Articoli, Formazione, News|0 Comments

Leave A Comment

RSS Psicologia Psicosomatica – Rivista Online

  • AFFRONTARE ANSIA E PANICO | GALLARATE | 23 MAGGIO 2018
    Come affrontare ansia e panico non gravi in ottica psico – somatica? I quadri ansiosi coinvolgono e sconvolgono la mente, ma anche e soprattutto il corpo, che spesso manifesta tremori, tachicardia, sudori freddi. L’intervento congiunto di psicologo psicosomatolgo e naturopata permette di affrontare le criticità su entrambi i versanti per lavorare in sinergia sullo stile […]
  • GLI EFFETTI DEL TRAUMA
    “I bambini con storie di abuso e grave trascuratezza imparano che il loro terrore, le loro implorazioni e il loro pianto non hanno alcun effetto sul caregiver. Niente di ciò che possono fare o dire interrompe le botte o suscita attenzione o aiuto. In effetti, sono destinati a mollare di fronte agli ostacoli che la […]